fbpx
loader image

Nei territori del Magazine: la Val di Magra​

Nei territori del magazine- La Val di Magra magra
gino

21 Mar, 2022

Nei territori del Magazine: la Val di Magra​

Se la Lunigiana, con la magia e il mistero che pervadono l’incontaminato paesaggio dei suoi Borghi, quasi identici a centinaia di anni fa, è il cuore silenzioso, la parte misteriosa, la dimora storica tra le “Terre del Magazine”, la sua naturale prosecuzione è una vallata che, ad ogni sorgere del sole risplende di luce propria. Una valle che parte da quel cuore cupo e silente, di cui era parte integrante nella storia, e abbraccia il corso di un fiume singolare: il Magra

Sono le sue acque, infatti, a catturare i primi raggi del sole che sorge, come vessilli di un mattino denso di poesia: l’alba nasce fra i boschi brumosi, ma la sua luce scivola man mano lungo il fiume, fino alla foce, con curve sinuose che, rallentando dolcemente la loro corsa e modellando il paesaggio come fertile creta fra le mani di un artista millenario – il fiume stesso – e danno vita alla Valle del Magra.

Nei territori del magazine: La Val di Magra magra fiume magra
Nei territori del magazine: La Val di Magra magra

Il fiume Magra e la bassa Val di Magra

Nonostante il fiume abbia un corso piuttosto breve (62 chilometri), il suo tracciato offre scenari molto diversi tra loro, a cominciare dai grandi contrafforti dell’Appennino Tosco-Emiliano, dai margini delle creste rocciose delle Apuane, dove sgorga la sorgente, continuando con l’ampia vallata dell’entroterra
fino alla costa luminosa con il suo litorale sabbioso, luogo di riposo e di nidificazione per cormorani, gabbiani reali, paragoni, sterne e persino per lo sfuggente martin pescatore.

Nello specifico, però, l’ecosistema più caratteristico e vitale lo si trova nel lembo di pianura compreso fra le province della Spezia e Massa e Carrara, dove le acque sfociano direttamente nell’azzurro del Mar Ligure, a poca distanza dal Golfo dei Poeti.

Quest’ultimo tratto pianeggiante viene definito Bassa Val di Magra, ed è quello che andiamo a prendere in considerazione: un forziere traboccante di gioie per gli occhi, aperto fra due dorsali, la cui parte occidentale ha come confine il promontorio del Golfo Spezzino e quella orientale il Monte Cornoviglio, diretta propaggine delle Apuane…un vero tripudio di vita, concentrato negli ultimi cinque chilometri prima della foce e dovuto al rallentamento della corsa del Magra per la diminuzione di dislivello, all’altezza di Aulla; da Santo Stefano in poi, infatti, il Magra diventa zona fluviale e il suo unico affluente è il Vara. Insieme disegnano ampie curve sino al mare e il florido suolo lascia crescere indisturbato il salice, il pioppo, l’euforbia, il ripaiolo, il cipresso e il biancospino, con vaste macchie cedue e di aghifoglie.

Nei territori del magazine: La Val di Magra

Nei territori del Magazine: la Val di Magra, una terra di passaggio

E’ la storia stessa che ci descrive questa valle come una terra di passaggio, le cui vie di comunicazione e la cui abbondanza di vita hanno favorito gli scambi commerciali, culturali e artistici.

Da ricordare l’antica Via Francigena, grande arteria di comunicazione che al tempo del Cristianesimo ha accompagnato i fedeli fino a Roma, sede di San Pietro, del Vaticano, e della loro spiritualità.

Grazie a questo intenso e continuo pellegrinaggio, la vicina città di Luni, già famosa come tratto inconfondibile della Lunigiana, divenne Città Cristiana e, in seguito, alla fine del paganesimo, sede vescovile.

Sede poi trasferita a Sarzana, tuttora moderno centro di artigianato, agricoltura e turismo, con una storia fuori dal comune e con le antiche mura della città quasi completamente intatte (da ammirare le impressionanti fortezze del Borgo e di Sarzanello); assieme ad Arcola, Ameglia, Castelnuovo Magra, Luni, Santo Stefano di Magra e Vezzano Ligure, Sarzana costituisce ancora oggi parte dell’insieme dei sette comuni spezzini della Bassa Valle del Magra.

Nei territori del magazine: La Val di Magra sarzana

Nei territori del Magazine: la Val di Magra, tra antico e moderno

Sotto il dominio dei Marchesi Malaspina – gli stessi citati da Dante per la loro garbata ospitalità – la Valle del Magra è tornata ad essere ancor più fertile di prima, arricchita dalle prime coltivazioni di seminativo arborato (ovvero vigne e uliveti). I declivi erbosi in cui essi crescono fanno da cornice alle anse dell’estuario e ai borghi arroccati sui monti, tutti facilmente raggiungibili eppure dall’aria così inaccessibile… E’ perciò il contrasto tra antico e moderno, fra realtà rurale e grandi arterie di comunicazione, a distinguere ulteriormente la Val del Magra.

Se siete degli eterni indecisi e non sapete a quale passione piegarvi, questo sarà senza dubbio il posto giusto: offre attrattive turistiche di prima scelta con una varietà di eventi che riempiranno sicuramente ogni giorno della vostra permanenza! I castelli, che conservano gli antichi arredi dei feudatari e ospitano famosi musei culturali (non per altro la Valle è chiamata anche Terra dei Cento Castelli), agriturismi a gestione familiare che garantiscono indimenticabili traversate dell’Appennino a cavallo, taverne in cui gustare specialità culinarie liguri e toscane quali farinata di ceci, torte salate di riso ed erbi, il tutto rigorosamente fatto in casa, così come l’olio e gli apprezzatissimi funghi.

Nei territori del magazine: La Val di Magra panoramica

Nei territori del Magazine: la Val di Magra, tra antico e moderno

Se siete, invece, amanti dell’antiquariato, sempre a Sarzana si svolgono importanti manifestazioni stagionali che raccolgono mercanzia da tutto il territorio. Altro evento di particolare interesse è il “Maggio”, che raccoglie il favore di tutti i paesi della valle: con feste in costume che evocano gli alti ideali dell’amore, della fede e dell’onore.

E, infine, una nota di merito a Luni, dove potrete apprezzare le inconsuete opere esposte al Museo degli scavi e dell’anfiteatro dell’antica città che quando vi sbarcarono i Vichinghi credettero di aver conquistato Roma, come racconta in un prezioso volume Sergio Bianchelli.

Curiosità a parte, vi siete già accorti di esservi dimenticati qualcosa a casa nella fretta di partire?

Non importa, va bene tutto, purché non sia la macchina fotografica o il cellulare di ultima generazione, compagni essenziali in questo viaggio nella Valle del Magra, alla scoperta delle sue meraviglie, prima fra tutte la natura, che esplode di forza e di colori in un ambiente autoctono e sempre verdeggiante, inscindibile sodalizio fra l’uomo e le sue origini.

Qui il tempo scorre a misura d’uomo, come dovrebbe essere dovunque, in ogni luogo, sempre.
Un luogo di rifugio ideale per stabilirvisi a carattere duraturo dimenticando i problemi e le angosce della frenesia quotidiana.

 

​di Gino Giorgetti

Condividilo con i tuoi amici!

Clienti correlati

Condividilo con i tuoi amici!

Potrebbero interessarti anche

Redamare, la nuova opera in Passeggiata Morin

Redamare, la nuova opera in Passeggiata Morin

Martedì 24 maggio 2022, sul lungomare della Spezia, Passeggiata Morin, Sabrina D’Alessandro ha consegnato alla città un’opera d’arte pubblica che prende il titolo da una parola antica, “altrimenti smarrita”: Redamare.

leggi tutto
Euroflora 2022, un mondo di rara bellezza

Euroflora 2022, un mondo di rara bellezza

Si è conclusa domenica 08 maggio Euroflora 2022, la manifestazione floreale più spettacolare d’Europa, che da più di 50 anni è sinonimo di eleganza, prestigio e bellezza. Dopo l’edizione 2018, è tornata nel 2022 sempre ai Parchi e ai Musei di Nervi, a Genova per regalare ai visitatori un’esperienza unica.

leggi tutto
Redamare, la nuova opera in Passeggiata Morin

Redamare, la nuova opera in Passeggiata Morin

Martedì 24 maggio 2022, sul lungomare della Spezia, Passeggiata Morin, Sabrina D’Alessandro ha consegnato alla città un’opera d’arte pubblica che prende il titolo da una parola antica, “altrimenti smarrita”: Redamare.

leggi tutto

Vuoi rimanere aggiornato sulle news
della nostra Città?

Non perdiamoci di vista! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter! Esclusivamente per te, articoli aggiornati, consigli anticipazioni.