fbpx
loader image

La SPA.

Beato chi ha tempo per sé. Di solito si reca in un centro benessere e… si fa del bene. Comodo, pratico, istantaneo.  Quando lo stress ci rende la vita impossibile, niente è più rilassante di un soggiorno in qualche antico santuario, castello, località termale, o per l’appunto centro, inteso come grande edificio attrezzato con i più moderni impianti e con un personale qualificato, capace di rigenerare il corpo e dare il giusto slancio alla mente. Ma tra le idee concretizzate, già da lungi, in arti, mestieri o luoghi adibiti unicamente allo scopo, i centri benessere affollano il mondo sin dall’alba dei tempi.

Torniamo alle terme romane, grandi edifici aperti al pubblico e muniti di percorsi e stanze, precursori delle costruzioni moderne, nonché zona di ritrovo dalle “alte”, almeno per l’epoca, accortezze igienico-sanitarie. Abolita la classificazione in base al censo di chi vi si addentrava cercando compagnia, o un aiutino contro i reumatismi, le terme romane sfruttavano i siti naturali delle sorgenti dove le acque sulfuree abbondavano, servendosi, e questo è chiaro, delle loro proprietà curative. Più avanti, soprattutto durante l’età imperiale, le terme romane ebbero il loro momento di massimo splendore (nonché affluenza) anche dentro le città, forti dello sviluppo di tecniche speciali per il riscaldamento delle acque. Chiunque abbia mai avuto a che fare con un centro benessere, poiché arrivati in tempi recenti non ci limitiamo al solo valore curativo associato alle terme – cambiato il nome, di conseguenza, cambiano i presupposti -, ha certamente sentito, associato, il termine spa. Dunque, due sarebbero le ipotesi di come questo etimo sia giunto a noi: secondo la prima, sarebbe legato all’acronimo della locuzione latina salus per aquam, cioè salute attraverso le acque. La più prosaica vede invece questi centri prendere il nome dalla cittadina belga Spa, situata nella provincia di Liegi e nota già dal XIV secolo per le sue acque minerali, la quale, capitale per antonomasia del termalismo, concederebbe siffatto piacere e il benessere subito a seguire.

Allora, una spa o centro benessere che dir si voglia, in che modo si è evoluta dai tempi di pretori e vasai alla magnifica postazione con aree relax, e già che ci siamo munite di angolo ristoro? Anzitutto, va detto che è un luogo di coccole. Un’azienda, facile trovarla a gestione famigliare, altre in franchising, legata sì a trattamenti termali, ma anche a massaggi, olistici e non, a cure idroterapiche di vario genere, si vedano i bagni di vapore e le sedute di idromassaggio, all’intramontabile sauna e al piacevole bagno turco.

Perfino se nella sua accezione moderna le mura dello stabilimento si ampliano di offerte e percorsi diversi, l’acqua in qualche modo resta grande protagonista, sempre al centro dei rimedi contro ansia e fatiche imputabili ad un quotidiano… molesto. E perchè non citare le docce emozionali o le saune saline, complici di un effetto energizzante sui “pazienti”.

I centri benessere sono incontro, relax e fuga romantica, per stare bene con chi si ama, approfittando dei pacchetti salute dedicati alle coppie. Sono un regalo singolo, per i solitari, con l’ottica di ritrovare vitalità ed equilibrio o servirsi del centro estetico, spesso presente. Sono un break per la famiglia, ragazzi compresi, durante i cambi di stagione o se qualcuno ha bisogno di un momento di distensione, senza dimenticarci dei benefici terapeutici per patologie di vario genere o semplici affezioni alle vie respiratorie.

Insomma, trattandosi di veri e propri centri polivalenti, la maggioranza immersi in contesti anche parecchio interessanti, dentro parchi, o collocati nelle grandi città europee ricche di storia e tradizioni, le cui diverse postazioni di cui sopra sono disposizione degli ospiti senza badare a spese, le spa cambiano nome ma non lo scopo di partenza: ottimizzare i benefici della natura e del contatto umano, così da creare un momento indimenticabile.

di Samira Giorgetti

Vuoi maggiori informazioni?

Privacy Policy

5 + 4 =

Ehi! La vuoi sapere una novità?

Da oggi puoi leggere gratuitamente e per sempre la nostra nuova rivista pensata per essere "interattiva" ovunque tu sia!

E' gratuita per davvero, vogliamo solo promuoverla! E ti possiamo assicurare che non sarà la solita rivista digitale da sfogliare...

Privacy Policy

Non vediamo l'ora di farti vedere la nostra ultima idea! (nel caso controlla anche la "posta indesiderata")

Apri chat
💬Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti? 😃