fbpx
loader image

Anello Olmo/Monte Santa Croce

Anello Olmo Monte Santa Croce panorama

Erika Giorgetti

Sono una giovane imprenditrice che collabora nell’impresa di famiglia Italia Per Voi. Mi occupo della comunicazione social e web dell’azienda, gestisco le nostre pagine social e seguo i profili di alcuni clienti oltre alla redazione degli articoli del nostro magazine.
 

16 Feb, 2022

Anello Olmo/Santa Croce: da dove partire.

Un’idea perfetta per una Domenica di sole: il Sentiero ad Anello dalla Madonna dell’Olmo al Monte Santa Croce alla Spezia.

Io sono partita da Fabiano Basso a lato della pista ciclabile che costeggia il quartiere, ho preso la scalinata con indicazione “Madonna dell’Olmo”. Il tempo impiegato per raggiungere la Madonna dell’Olmo è di 45 minuti circa. Si passa per Via Paverano, Via della Scresa e si prosegue per Via Madonna dell’Olmo.
Arriverete quindi alla Chiesa di Fabiano Alto da dove potrete godere di una bellissima vista sul Golfo della Spezia.

Anello Olmo Monte Santa Croce sentiero 525
Anello Olmo Monte Santa Croce Chiesa Fabiano Alto

Verso la Madonna dell’Olmo

Continuando a salire, arriverete alla strada Litoranea. Attraversate e vicino al Ristorante “Il Paradiso del Golfo” trovate la scalinata per proseguire. Il sentiero è sempre il medesimo, il 525.

Dopo una ripida salita, si arriva finalmente alla Madonna dell’Olmo. Troverete un po’ di spazio per fare dei picnic con qualche panchina e una fontanella dove prendere dell’acqua prima di continuare il sentiero. Purtroppo lo spazio verde non è tenuto benissimo, però comunque potete trovare un angolino per sedervi e riposarvi.

Proseguite con la scalinata a sinistra di fianco alla fontana e alla chiesa, poi girate a destra e percorrete un piccolo tratto di sentiero che rimane in quota per 5 minuti.

Anello Olmo Monte Santa Croce sentiero 525 segnale
Anello Olmo Monte Santa Croce Madonna dell'Olmo

Il cancello verde, verso la cima del Monte Santa Croce

Vi troverete dinanzi a un cancello verde, potete oltrepassarlo e fate attenzione perchè l’indicazione del sentiero non è ben segnalata (il riferimento è su un secchio alla vostra destra).

Anello Olmo Monte Santa Croce sentiero 525 secchio

Da questo momento, si inizia a risalire per un bosco e dopo una mezz’ora si arriva al primo punto panoramico del Monte Santa Croce da cui è possibile scattare alcune foto panoramiche con vista sul nostro bellissimo Golfo.

Proseguendo, troviamo una biforcazione, dovete continuare e prendere la strada ciottolosa a destra che vi porterà verso la cima del Monte.

Anello Olmo Monte Santa Croce batteria cannone abbandonato

La batteria del Monte Santa Croce

Poco dopo la strada diventerà un sentiero, che passa sul ciglio della cava e che ci porta alle prime postazioni della batteria del monte S. Croce.

Incontriamo due garitte, tre cannoni abbandonati e i ruderi di alcune costruzioni. Caratteristica la postazione per il faro antiaereo collocata su un traliccio. Nel piazzale più alto è collocato l’ultimo dei tre cannoni antiaerei. Di qui si imbocca il sentiero, che inizia con una breve scaletta in mattoni, e, passando attraverso le postazioni di supporto alle batterie antiaeree, ci porta all’incrocio con il sentiero 525.

Fonte Cai La Spezia

Non solo un sentiero di tipo naturalistico, ma un luogo pieno di storia, la nostra storia che ci ricorda il passato. A mio parere andrebbero rivisti i resti della batteria in modo tale da essere fruibile per organizzare un vero e proprio museo diffuso sul Monte con dei qr-code esplicativi che raccontano e spiegano da dove provengono e come sono stati utilizzati.

Non tutti conoscono questo sentiero, nemmeno io in realtà lo conoscevo, l’ho trovato scuriosando nei sentieri ad anello del Cai e devo dire che anche se è stata una dura impresa arrivare alla cima e salire di quota mi ha lasciato una soddisfazione incredibile.

Anello Olmo Monte Santa Croce Casa Pilloa

Il ritorno verso Olmo- Fabiano

Si deve girare a sinistra, in direzione Olmo Fabiano: dopo poco incontriamo Casa Pilloa. Attualmente è un rudere di notevoli dimensioni e suggestivo, che deve essere stato nel tempo ospizio, casa padronale , punto di ristoro ed infine fattoria.

Si passa vicino ad un’altra cava ed ai ruderi degli edifici di supporto a questa e si ritorna al piazzale del Santuario della Madonna dell’Olmo. Qui dobbiamo prendere la strada sulla destra che ci porta verso le ville della località Ceppo, che diventa scalinata e che ci conduce al punto di partenza.

Buona passeggiata, ci rivediamo al prossimo sentiero!

Vi aspetto quindi alla Spezia e se avete bisogno di aiuto o consigli, mi trovate in direct sulla mia pagina instagram.

Condividilo con i tuoi amici!

Potrebbero interessarti anche

I 40 anni di Fabbrica D’arte

I 40 anni di Fabbrica D’arte

La storia di Fabbrica d’Arte inizia con l’incontro sui banchi di scuola di Franz e Milla. Dopo gli studi a carattere artistico, frequentano insieme un corso di ceramica sotto la guida degli insegnanti Alfredo Gioventù e Adriano Pastori sperimentando insieme tecniche e materiali.

leggi tutto
Le Terre del Magazine: viaggio nel Golfo del Tigullio

Le Terre del Magazine: viaggio nel Golfo del Tigullio

Golfo del Tigullio: un lembo del Levante ligure genovese, un territorio magico, luoghi che rammentano come l’uomo e la natura possano fondersi in un connubio ricco di fascino dove le emozioni aleggiano nell’aria, impalpabili, e spirano la brezza dei monti che incontra la luce del mare più pulito.

leggi tutto
I 40 anni di Fabbrica D’arte

I 40 anni di Fabbrica D’arte

La storia di Fabbrica d’Arte inizia con l’incontro sui banchi di scuola di Franz e Milla. Dopo gli studi a carattere artistico, frequentano insieme un corso di ceramica sotto la guida degli insegnanti Alfredo Gioventù e Adriano Pastori sperimentando insieme tecniche e materiali.

leggi tutto

Vuoi rimanere aggiornato sulle news
della nostra Città?

Non perdiamoci di vista! Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter! Esclusivamente per te, articoli aggiornati, consigli anticipazioni.